Amare vuol dire prendersi cura l’un l’altro

Amare vuol dire prendersi cura l’un l’altro. Nessun amore può reggersi sulla mancanza di attenzioni. Non esiste nella mente dell’innamorato pensiero più comune che quello di accudire il proprio partner. Farlo significa pensare ai piccoli particolari, ammirare la persona che si ha accanto e farla sentire speciale, ascoltata ed amata.

Potrà sembrare ovvio, ma la verità è che la prima cosa che si finisce per trascurare è proprio questa: le attenzioni. Tutti siamo bravi in teoria, sappiamo che bisogna conquistare la persona che si ama ogni singolo giorno e mantenere alta l’attenzione nei suoi riguardi.

Tuttavia, quando si tratta di mettere in pratica queste attenzioni ogni giorno, tendiamo a peccare di disattenzioni e finiamo per danneggiare la nostra relazione a causa di atteggiamenti di indifferenza o di sbadataggine, rinviando a un altro momento le piccole attenzioni.

L’amore dura se ve ne prenderete cura, e ve ne prenderete cura se lo amate

Talvolta ci comportiamo nei confronti dell’amore come un bambino con il suo palloncino: ignoriamo ciò che abbiamo per poi piangere quando lo abbiamo perso. L’espressione “non sappiamo cosa abbiamo fino a quando non la perdiamo” non è mai stata così azzeccata.

Se non ci prendiamo l’impegno di dedicarci alle nostre relazioni, rischiamo di far svanire l’entusiasmo e il desiderio di mantenere vivo quell’affetto o  vincolo che, supponiamo, ci rende felici. Diamo per scontato che il nostro partner o le persone che ci circondano siano sempre disposte ad aspettarci, di sopportarci o di comprenderci di fronte a tutto.

Ma la verità è che tolleriamo qualunque cosa purché non ci siano in ballo le nostre necessità. Rimanendo di quest’idea, però, finiremo per opprimere noi stessi e gli altri, per creare e dar vita a circoli viziosi non sani che corroderanno quei sentimenti di cui avremmo dovuto prenderci cura.

Rispondi